Home archivio eventi Popoli e Religioni Terni Film Festival
contagion

Data

Nov 07 - 15 2020
Expired!

Ora

8:00 am - 12:00 pm

costo

0 €

Popoli e Religioni Terni Film Festival

Nove giorni di incontri: 80 film da 22 paesi e cinque continenti.

Il Terni Film Festival non lascia: raddoppia. I drammatici sviluppi dell’emergenza sanitaria hanno costretto la kermesse dedicata al dialogo tra popoli e religioni a riscrivere completamente la sua formula ad appena due settimane dal debutto, ma l’organizzazione ha deciso di affrontare la pandemia come un’occasione di crescita.

“Il nostro è un festival che si occupa di pace e di dialogo – spiega il direttore artistico Arnaldo Casali – e questa nonviolenza la vogliamo applicare anche al Covid-19: noi non vogliamo combattere contro il virus, noi vogliamo lasciarci interrogare da questa pandemia. Non vogliamo tornare alla normalità, noi vogliamo fare un festival eccezionale”.

Ecco dunque che il Terni Film Festival, dopo quindici anni, stravolge completamente la sua formula approdando online: dal 7 al 15 novembre tutte le opere in concorso potranno essere visionate liberamente sul sito (www.istess.it e www.ternifilmfestival.it) h24, mentre sui profili facebook e youtube vanno in onda in diretta (alle 16.30, 18 e 21) gli incontri con gli ospiti, collegati tramite web da tutto il mondo.

“Non sarà un surrogato del festival in presenza, vogliamo sfruttare tutte le potenzialità che questa situazione ci offre per fare qualcosa di ancora più bello: non avendo più limiti di spazio e di tempo abbiamo quindi moltiplicato le opere in concorso”. Ogni categoria, infatti, presenta in media il doppio dei film rispetto allo scorso anno. Stessa cosa per quanto riguarda gli ospiti.

Resta il fatto che un festival è soprattutto un occasione di incontro: il piccolo schermo non può quindi sostituire la sala cinematografica. Per questo motivo in primavera è prevista una “seconda ondata” di festival: “Abbiamo rinviato il focus – quest’anno dedicato alla Sabina – gli spettacoli teatrali, i concerti, i convegni, ma anche le premiazioni”.

La giuria internazionale, composta da Francesco Salvi, Catherine McGilvray ed Elena Bouryka, quindi, avrà almeno quattro mesi di tempo per valutare le opere, così come le giurie popolari. Ad aprile nel corso della seconda ondata verranno proiettati – insieme ai film fuori concorso (come Contagion di Soderbergh, Abbi fede di Giorgio Pasotti e Bar Giuseppe di Giulio Base) anche i finalisti e i vincitori.

The event is finished.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *