cyberpunk museum

Date

Jun 04 2020 - Jul 19 2020
Ongoing...

Time

10:00 am - 8:00 pm

Cost

0 €

SUK! @CAOS

KU-189: SUK!
“Non è più possibile partire dal reale e fabbricare l’irreale, l’immaginario a partire dai dati del reale. Il processo sarà piuttosto l’inverso: si tratterà di realizzare situazioni decentra­te, modelli di simulazione e di ingegnarsi a dar loro i colori del reale, del banale, del vissuto, di reinventare il reale come finzione, proprio perché il reale è scom­parso dalla nostra vita.” (J. Baudrillard, Cyberfilosofia, 2009)

SUK! è la materializzazione di un pensiero ribelle formatosi agli antipodi della KU-esistenza in forma umana. Durante l’anno 2020 KU-189 riporta in vita memorie video di anni resistenti, immagina creature nate dagli scarti dell’esistente, ridona vita alla spazzatura del culto capitalista, in un rinnovato “rendere giustizia a stracci e rifiuti” del Benjamin dei Passages di Parigi.
Suk è il mercato, di cui l’Umano non sa più fare a meno.
Vecchi Giocattoli, spazzatura elettronica, resti animali, colle, colori, sostanze organiche si riassemblano dando forma ad un immaginario materico strettamente legato ad un surreale che parla di un Umano divenuto altro, della trasformazione del futuro dell’umanità in un trapassare continuo tra forme note e transumane.

Biografia dell’artista
Ku189 ha origini Sicule. Nato e cresciuto nel cuore della tradizione del Barocco, partecipa ai primi concorsi di pittura quando è ancora alle scuole medie. Amante dell’arte e dei fumetti, conosce e sperimenta – negli anni della formazione – le tecniche dei graffiti, dell’aerografia e del tatuaggio.
Le prime sperimentazioni murali di grandi dimensioni risalgono all’inizio del Duemila. È così, all’alba del nuovo Millennio, che nascono lo pseudonimo e l’identità di KU189.
Quindi il trasferimento a Bologna, dove frequenta l’Accademia delle Belle Arti ed entra in contatto con i nuovi scenari legati ai movimenti ravers. Per sei anni KU incrocia un percorso intenso fatto di molteplici esperienze: laboratori artistici, pittura, disegno, performance foto/video e scenografie all’interno dello storico centro sociale livello57.
Inizia a scolpire a Roma, mentre tatua e si dedica all’apertura del VAULT41, locale performativo che unisce tradizione gastronomica siciliana, burlesque e sculture cyborg.
SUK è un ramo distopico di obsolescenza programmata artistica.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *